Aosta, capitale delle Alpi e crocevia d’Europa: storia, arte e leggende tra Dora Baltea e cime di ghiaccio. Accoccolata sul fondo della Valle, la città respira al ritmo di una storia antica.

Nevralgico punto d’incontro di strade che, un tempo, varcavano i passi del Piccolo e del Gran San Bernardo e ora anche il traforo del Monte Bianco, accoglie con le testimonianze di un passato importante. Saint-Martin de Corlèans ricorda epoche lontanissime, un racconto narra di Cordelo, capostipite dei Salassi e compagno di Eracle oltre che discendente di Saturno, il quale nel 1158 a.C. fonda la città di Cordela, mentre i molti resti romani rievocano la sua fondazione storica.

Attraverso il Medioevo ci giunge la profondità abissale della voce di Sant’Anselmo, al quale è seguita una schiera di donne e uomini che hanno forgiato la storia e il mito della città di luce sfumata nelle ombre allungate dalle montagne. Un paesaggio capace di produrre leggende in cui agiscono eroi, streghe, fantasmi, demoni e santi che danno vita a un universo cosmopolita e sempre in movimento. Come la città contemporanea, vitale come la corrente della Dora che transita veloce.